Cos'è un antidolorifico?

L'analgesico, comunemente noto come antidolorifico, è una delle più antiche forme di farmaco registrate nella storia. Gli storici riferiscono che i Sumeri in Mesopotamia furono tra le prime persone ad aver coltivato la pianta del papavero, un oppioide, intorno al 3400 a.C. Questi antidolorifici appartengono a un gruppo di droghe usato per trattare una varietà di dolori e altri sintomi come febbre e infiammazione.

Esistono diversi tipi di antidolorifici, ciascuno prescritto per determinati casi e ciascuno operante in un certo modo. I 3 tipi di antidolorifici sono:

  1. Antidolorifici non oppioidi, come il paracetamolo
  2. Antidolorifici oppioidi, come la codeina
  3. Farmaci antinfiammatori o FANS 

Antidolorifici non oppioidi come il paracetamolo, si ritiene che agisca bloccando i messaggeri chimici che innescano le reazioni al dolore. Il paracetamolo riduce anche la febbre modificando i messaggeri chimici in un'area del cervello responsabile della temperatura corporea.

Antidolorifici oppioidi inclusi morfina, codeina, ossicodone, idrocodone, diidromorfina, petidina e funzionano legandosi a proteine chiamate recettori oppioidi sulle cellule nervose del cervello, del midollo spinale, dell'intestino e di altre parti del corpo. Questo blocca i messaggi di dolore, riducendo le sensazioni di dolore e aumentando la tolleranza al dolore.

Farmaci antinfiammatori o FANS come l'aspirina, l'ibuprofene e il naprossene, agiscono inibendo un enzima chiamato cicloossigenasi (o COX) che riduce le prostaglandine, ormoni responsabili di processi come infiammazione, flusso sanguigno, formazione di coaguli di sangue e induzione del travaglio. In questo modo, alleviano la febbre e riducono le infiammazioni e il dolore associato.

 

Si può sviluppare la dipendenza da antidolorifici?

Questi farmaci hanno effetti diversi e sono prescritti per situazioni diverse a seconda dell'intensità del dolore, della salute generale e della considerazione degli effetti collaterali. In caso di dolori lievi e di breve durata, vengono normalmente prescritti antidolorifici non oppioidi. In caso di dolore accompagnato da una sorta di infiammazione, i FANS vengono generalmente prescritti. I FANS sono spesso prescritti per alleviare i sintomi di mal di testa, mestruazioni, lesioni muscolari come ceppi, raffreddore e influenza, artrite e altre cause di dolore a lungo termine. Quando questi due farmaci non alleviano il dolore, vengono prescritti oppioidi deboli come la codeina. Questi farmaci sono generalmente più rischiosi e dovrebbero esserlo prescritti con le dosi più basse adatte e per brevi periodi. In caso di fratture ossee e interventi chirurgici, vengono utilizzati oppioidi più potenti come la morfina.

Antifiammatori non steroidei (FANS) e gli antidolorifici non oppioidi sono venduti da banco (OTC). Ciò significa che puoi acquistarli senza un file prescrizione dal tuo medico. Sono generalmente sicuri da usare senza possibilità di abuso. Gli oppioidi, d'altra parte, sono classificati tra la Tabella I e la Tabella V, a seconda che siano approvati per uso medico, il loro rischio di uso improprio e il potenziale di dipendenza. Gli oppioidi approvati necessitano di una prescrizione. Questo perché gli oppioidi hanno molti più effetti avversi rispetto ai FANS.

I farmaci non oppioidi sono generalmente sicuri e hanno pochi effetti collaterali. Tuttavia, medicinali come il paracetamolo possono causare danni al fegato se assunti in modo eccessivo.

Il paracetamolo è una medicina molto comune che si trova spesso come ingrediente secondario in diversi farmaci. È difficile regolare e tenere il passo con l'assunzione di paracetamolo. Se assunto frequentemente per un lungo periodo, il paracetamolo può portare ad avvelenamento del fegato. I primi sintomi includono sensazione di stanchezza, dolore addominale o nausea. Dopo alcuni giorni i sintomi si sviluppano in pelle giallastra, problemi di coagulazione del sangue e confusione a causa di insufficienza epatica. Un sovradosaggio di paracetamolo può causare danni permanenti al fegato e richiede un trapianto di fegato.

I FANS sono anche sicuri se assunti con moderazione, ma causano effetti collaterali in caso di uso eccessivo o di individui malsani e anziani. L'uso di FANS aumenta il rischio di una serie di gastrointestinale (GI) problemi, malattie renali ed eventi cardiovascolari avversi. Circa 10–20% delle persone che assumono FANS hanno problemi di digestione.

Gli oppioidi sono i più rischiosi dei tre in quanto possono avere effetti collaterali da gravi a fatali, specialmente se assunti con altri farmaci. Gli effetti collaterali associati all'uso di oppioidi includono: 

  • sedazione
  • nausea
  • vertigini
  • vomito
  • stipsi
  • dipendenza fisica
  • tolleranza
  • depressione respiratoria

Questi farmaci possono anche provocare abuso, dipendenza, ritiroe persino overdose. Possono causare problemi cognitivi e psicologici e persino aumentare il rischio di comportamenti suicidi.

Gli avvelenamenti da oppioidi provocano una media di 16 ricoveri al giorno in Canada, oltre a 11 visite al pronto soccorso al giorno in Alberta e 13 visite al pronto soccorso al giorno in Ontario. I decessi per overdose coinvolti negli oppioidi sono aumentati da 21.088 nel 2010 a 47.600 nel 2017 e sono rimasti stabili nel 2018 con 46.802 decessi. Questo è stato seguito da un aumento significativo nel 2019 a 49.860 morti per overdose.

 

Astinenza e trattamento da antidolorifici

Gli antidolorifici hanno lo scopo di alleviare dolori che gli esseri umani non possono tollerare. Paradossalmente, a volte portano a più dolore e sofferenza, specialmente se usati in modo improprio. Le persone spesso credono che i farmaci non abbiano effetti collaterali. Pensano che la medicina non possa causare danni e trascurano gli avvertimenti e gli effetti collaterali. Ciò è particolarmente vero con i non oppioidi e i FANS che le persone spesso in modo incauto. Per quanto riguarda gli oppioidi, si ritiene che l'uso illecito sia in aumento. L'uso di farmaci come Benzos e Codeine per scopi ricreativi è aumentato negli ultimi anni, rendendo cruciali le normative sulle regole che circondano gli analgesici. Se hai bisogno di aiuto con la salute o la dipendenza da farmaci e il recupero, dai un'occhiata al nostro sito web.

 

Riferimenti

Rosenblum, A., Marsch, LA, Joseph, H. e Portenoy, RK (2008). Gli oppioidi e il trattamento del dolore cronico: controversie, stato attuale e direzioni future. Psicofarmacologia sperimentale e clinica16(5), 405-416. https://doi.org/10.1037/a0013628

Mallinson, Tom (2017). "Una revisione del ketorolac come analgesico preospedaliero"Journal of Paramedic Practice9 (12): 522-526. doi:10.12968 / jpar.2017.9.12.522. Estratto 2 giugno il 2018

"Acetaminofene". L'American Society of Health-System Pharmacists. Archiviato dall'originale del 05/06/2016.

https://www.nhs.uk/live-well/healthy-body/which-painkiller-to-use/

Lee A, Cooper MG, Craig JC, Knight JF, Keneally JP (aprile 2007). "Effetti dei farmaci antinfiammatori non steroidei sulla funzione renale postoperatoria negli adulti con funzione renale normale"Il database Cochrane delle revisioni sistematiche (2): CD002765. doi:10.1002 / 14651858.CD002765.pub3PMC 6516878PMID 17443518.

Simone Rossi, ed. (2006). Manuale dei medicinali australiani 2006. Adelaide: Australian Medicines Handbook Pty Ltd. ISBN 978-0-9757919-2-9.[pagina necessaria]

Rostom A, Dube C, Wells G, Tugwell P, Welch V, Jolicoeur E, McGowan J (2002). "Prevenzione delle ulcere gastroduodenali indotte da FANS". Il database Cochrane delle revisioni sistematiche (4): CD002296. doi:10.1002 / 14651858.CD002296PMID 12519573

https://www.drugabuse.gov/sites/default/files/National%20Drug%20Involved%20Overdose%20Deaths%201999-2019.pptx