Cosa sono le Benzos?

Le benzodiazepine (Benzos) sono una famiglia di farmaci psicoattivi. Agiscono sul sistema nervoso provocando un cambiamento di umore, cognizione, comportamento o percezione. Si dice che il primo farmaco di questo tipo sia stato scoperto per caso nel 1955 e sia stato venduto da Hoffmann – La Roche nel 1963 come farmaco.

Le benzodiazepine agiscono potenziando gli effetti dell'acido gamma-amminobutirrico (GABA), un neurotrasmettitore nel cervello, inducendo sedazione, sonnolenza e riducendo l'ansia. A causa di questi effetti, questi farmaci sono stati utilizzati come trattamento per ansia, insonnia, agitazione, convulsioni, spasmi muscolari, stato epilettico e sindrome premestruale. Benzos sono venduti con diversi marchi e sono disponibili in diversi tipi. Questi farmaci si distinguono spesso per quanto sono potenti e per quanto tempo rimangono efficaci.

  • Ad azione brevissima: Midazolam (Versed), triazolam (Halcion)
  • A breve durata d'azione: Alprazolam (Xanax), lorazepam (Ativan)
  • A lunga durata d'azione: clordiazepossido (Librium), diazepam (Valium)

Le benzodiazepine sono considerate sostanze controllate dalla schedula IV.

Secondo il CSA, i farmaci elencati nella Tabella IV sono classificati come tali perché “L'abuso del farmaco o di altre sostanze può portare a una dipendenza fisica limitata o psicologica rispetto ai farmaci o ad altre sostanze nella Tabella III.

In termini di uso medico, i Benzos sono uno dei più medicinali prescritti nel mondo. Secondo IQVIA ™, c'erano 45,0 milioni di alprazolam, 26,4 milioni di lorazepam, 29,2 milioni di clonazepam, 12,6 milioni di diazepam e 7,0 milioni di prescrizioni di temazepam dispensate negli Stati Uniti

 

Abuso di droghe di benzodiazepine

Tuttavia, contrariamente al suo status legale e ai benefici medici, il farmaco ha mostrato un alto potenziale di abuso e dipendenza. Lo sballo e il sollievo che accompagna le Benzodiazepine rendono il farmaco soggetto ad uso ricreativo. È anche comune come file droga abusata grazie alla sua popolarità. Alcune persone potrebbero abusarne intenzionalmente, ma in alcuni casi una persona potrebbe assumere una dose elevata per errore. Una persona che abusa di Benzos cerca di ottenere prescrizioni da diversi medici e potrebbe persino crearne di proprie. Altri potrebbero rubare medicine ad altre persone. In molti casi, le persone ottengono i loro Benzos da fonti illegali che contrabbandano la droga. Nel 2017 c'erano 47.546 alprazolam, 11.430 clonazepam, 4.451 diazepam, 2.315 lorazepam e 236 rapporti temazepam da forense federale, statale e locale Laboratori. Per il 2018, le stime preliminari indicano che were 40.035 alprazolam, 9.900 clonazepam, 3.421 diazepam, 1.901 rapporti di lorazepam e 204 temazepam da Federal, laboratori forensi statali e locali.

 

Quali sono gli effetti di Benzos?

Le benzodiazepine sono considerate sicure come farmaci a breve termine, di solito fino a 4 settimane, il che significa che abusarne per periodi più lunghi può causare gravi effetti collaterali. I seguenti sono i lati più comuni effetti associati alle benzodiazepine:

  • Sedazione
  • Vertigini
  • Debolezza e
  • Instabilità
  • Problemi di memoria

Possono verificarsi altri effetti collaterali:

  • Sonnolenza transitoria comunemente riscontrata durante i primi giorni di trattamento
  • Sensazione di depressione,
  • Perdita di orientamento
  • Mal di testa
  • Dormire disturbo
  • Confusione
  • Irritabilità
  • Aggressione
  • Eccitazione
  • Memoria menomazione

Si ritiene che i benzos abbiano gravi effetti sulle funzioni cognitive come il salvataggio dei ricordi. Sebbene le benzodiazepine possano funzionare come trattamento per l'ansia, il sonno e l'agitazione in alcuni pazienti, l'uso a lungo termine (cioè superiore a 2-4 settimane) può provocare un peggioramento degli stessi sintomi che i farmaci sono destinati a trattare.

Come accennato in precedenza, le benzodiazepine possono causare tolleranza e dipendenza nel tempo. Man mano che il cervello si abitua agli effetti di Benzos, gli effetti che crea diventano lievi. Per ottenere l'effetto desiderato, la persona aumenterà la dose o la assumerà più frequentemente. Nel tempo, l'aumento del dosaggio porterà a una dipendenza dal farmaco caratterizzata da un bisogno compulsivo di abuso e sintomi di astinenza quando il farmaco viene interrotto.

I sintomi più frequenti di ritiro dalle benzodiazepine sono:

  • insonnia, 
  • problemi gastrici,
  • tremori, agitazione,
  • paura,
  • spasmi muscolari

 Gli effetti meno frequenti sono irritabilità,

  • Sudorazione
  • Depersonalizzazione
  • Derealizzazione
  • Ipersensibilità agli stimoli
  • Depressione
  • Suicida comportamento
  • Pla psicosi
  • Scrisi epilettiche
  • Delirium tremens

 

Come fare un file Astinenza da benzodiazepine ed evitare il sovradosaggio?

Per un recupero sicuro dall'uso delle benzodiazepine, si consiglia il controllo medico per aiutare l'individuo con una graduale riduzione del dosaggio. I farmaci possono anche aiutare ad alleviare gli effetti collaterali fisici da astinenza come dolori e agitazione. Se hai bisogno di aiuto con la dipendenza da benzodiazepine, dai un'occhiata al nostro sito web.

In alcuni casi, l'abuso di Benzos può portare a un sovradosaggio, specialmente se miscelato con altri farmaci. In un studia Sulla base di 6.148 casi, ci sono state circa 212.770 (95% CI = 167.163, 258.377) visite di pronto soccorso ogni anno attribuite a eventi avversi che coinvolgono le benzodiazepine. Più della metà erano visite riguardanti l'uso non medico di benzodiazepine (119.008; 55.9%, 95% CI = 50.0%, 61.9%).

Nel 2019, il 16% dei decessi per overdose da oppioidi ha coinvolto anche le benzodiazepine. Ci sono anche segnalazioni di autolesionismo e tendenze suicide tra i maltrattatori di Benzo. Questi numeri dimostrano i pericoli di Benzos nonostante la loro statura. Anche se prescritti dal punto di vista medico possono comunque causare complicazioni e portare alla dipendenza. Negli ultimi anni si è assistito a un aumento dell'uso illecito di Benzos, come dimostrato dall'aumento dei tassi di tratta e contrabbando. Negli Stati Uniti, l'alprazolam è considerato tra i primi tre medicinali soggetti a prescrizione che vengono deviati dal mercato lecito. Secondo la Drug Enforcement Administration (DEA), ci sono state quasi 40.000 segnalazioni di alprazolam da laboratori forensi federali, statali e locali nel 2011 e altre 18.068 segnalazioni tra gennaio e giugno 2012. Ci sono state anche diverse segnalazioni di medicinali contraffatti o medicinali falsi contenenti Benzodiazepine. Questi medicinali non dichiarano di contenere queste sostanze nel tentativo di indurre il cliente ad acquistare il loro prodotto. Recentemente, nel gennaio 2017, il leader di una farmacia online che distribuiva illegalmente compresse contenenti flubromazolam con la falsa affermazione che contenevano alprazolam, oltre a distribuire illegalmente vari altri farmaci da prescrizione e compresse stupefacenti è stato condannato a 8 anni di carcere.

I pericoli di abuso di farmaci e dipendenza sono in costante aumento. Le persone sono spesso oppresse da problemi mentali e psicologici e sono quindi inclini ad abusare di qualsiasi sostanza che possa alleviare i loro dolori. Eppure queste sostanze possono creare problemi di salute più grandi e possono persino portare alla morte.

 

Riferimenti

Brunton L, Hilal-Dandan R, Knollmann B, Goodman & Gilman's The Pharmacological Basis of Therapeutics. 13a ed. McGraw-Hill, New York, NY2018

https://doi.org/10.15585/mmwr.rr6501e1er

Fraser AD (ottobre 1998). "Uso e abuso delle benzodiazepine"Monitoraggio terapeutico dei farmaci20 (5): 481–9. doi:10.1097/00007691-199810000-00007PMC 2536139PMID 9780123.

Shorter E (2005). "Benzodiazepine". Un dizionario storico di psichiatria. La stampa dell'università di Oxford. pagg. 41–2. ISBN 978-0-19-517668-1.

Lader M (2008). “Efficacia delle benzodiazepine: funzionano o no?”. Revisione degli esperti di neuroterapici (PDF). 8 (8): 1189–91. doi:10.1586/14737175.8.8.1189PMID 18671662S2CID 45155299.

Rapoport MJ, Lanctôt KL, Streiner DL, Bédard M, Vingilis E, Murray B, Schaffer A, Shulman KI, Herrmann N (maggio 2009). "Uso e guida delle benzodiazepine: una meta-analisi". Il Journal of Clinical Psychiatry70 (5): 663–73. doi:10.4088 / JCP.08m04325PMID 19389334.

Longo LP, Johnson B (aprile 2000). "Dipendenza: parte I. Benzodiazepine: effetti collaterali, rischio di abuso e alternative"Medico di famiglia americano61 (7): 2121–8. PMID 10779253.