Cos'è Khat?

Khat o Catha edulis è una pianta da fiore che si trova più comunemente nei paesi del Corno africano e della penisola arabica. Il componente attivo del catinone Khatare è un forte stimolante simile al caffè e all'anfetamina. Funziona sul sistema nervoso centrale accelerando i messaggi che passano tra il cervello e il corpo. Questo crea una sensazione di euforia ed eccitazione. A causa di questo effetto, le persone hanno iniziato a usarlo come file farmaco.

 

La storia e l'uso di Khat

Il khat è ampiamente accettato nelle culture somala, etiope e yemenita, dove è considerato un'antica tradizione. Nei paesi occidentali, l'uso del khat è più diffuso tra gli immigrati dall'Africa nord-orientale e dalla penisola arabica. Il farmaco viene assunto per via orale attraverso la masticazione. Le foglie di khat essiccate possono anche essere preparate nel tè o cotte e aggiunte al cibo. Khat è entrato in vigore in 15 minuti dopo il consumo che è inferiore all'anfetamina che richiede fino a 40 minuti. Le sessioni di masticazione possono durare da 30 minuti a 4 ore.

 

Status giuridico di Khat

Il catinone, che si trova nelle foglie fresche di Khat, è classificato come farmaco di Tabella I ai sensi della legge sulle sostanze controllate. I farmaci del Programma I, che includono eroina e LSD, hanno un alto potenziale di abuso e non sono usati per scopi medici. Dopo 48 ore le foglie si seccano ed entra in gioco la catina chimica. È più debole in effetti del catinone ma può comunque portare a una dipendenza fisica o psicologica limitata. Per questo motivo e per i potenziali effetti sulla salute, il khat è stato reso illegale in diversi paesi come il Canada, gli Stati Uniti e diversi paesi europei.

 

Effetti collaterali di Khat

Gli utenti di questo farmaco sperimentano un'ondata di energia e una maggiore autostima. Khat è noto per rendere le persone più vigili e loquaci.

Crea anche diversi effetti collaterali spiacevoli:

  • aumento della pressione sanguigna
  • aumento della frequenza cardiaca
  • insonnia
  • psicosi
  • app soppressa
  • stipsi
  • depressione
  • allucinazioni poco frequenti
  • inibizione ridotta (simile all'alcol)
  • aumento del rischio di infarto miocardico (attacco di cuore)
  • Stipsi
  • Tachicardia, ipertensione
  • Ipertermia moderata
  • Midriasi, visione offuscata
  • Anoressia(a causa della perdita di appetito), secchezza delle fauci

Alcuni studi collegavano la psicosi all'uso di Khat, ma solo in casi estremi in cui un individuo ha una tendenza genetica o una storia familiare di psicosi.

L'uso cronico di Khat si traduce in un aumento del rischio di diverse malattie. Questi includono malattie cardiovascolari, gastrointestinali, genito-urinarie, ostetriche e altre. Simile ad altri farmaci; può causare complicazioni sociali e interpersonali.

 

Trattamento di dipendenza e ritiro di Khat

Khat non è considerato una droga che crea dipendenza, ma può portare a dipendenza e può creare ritiro sintomi quando l'uso viene interrotto bruscamente. Gli effetti di questo ritiro possono includere agitazione, irritabilità, necessità compulsiva di usare il farmaco e tremori minori.

La ricerca Khat rimane molto insufficiente per rispondere alle domande riguardanti le sue qualità di dipendenza e le conseguenze sulla salute a lungo termine. Una limitazione significativa degli studi sulla prevalenza di Khat è lo status illegale di questa sostanza nella regione. Nondimeno Khat è considerato una sostanza non sicura. Se tu o una persona vicina avete bisogno di aiuto con la dipendenza o dipendenza trattamento, dai un'occhiata al nostro sito web Qui.

 

Riferimenti

Abdul Ghani N, Eriksson M, Kristiansson B, Qirbi A. L'influenza della masticazione Khat sul peso alla nascita nei neonati a termine. Soc Sci Med. 1987; 24 (7): 625–627. [PubMed] [Google Scholar]

21. Elhadrani AM, AlHoot MA. Un'associazione tra Khat e diabete. Egitto J Surg. 2000; 19 (1): 16-19. [Google Scholar]

Hassan NAGM, Gunaid AA, Abdo-Rabbo AA, Abdel-Kader ZY, Al-Mansoob MAK, Awad AY, Murray-Lyon IM. L'effetto della masticazione Qat sulla pressione sanguigna e sulla frequenza cardiaca in volontari sani. Trop Doctor. 2000; 30: 107–108. [PubMed] [Google Scholar]

 Ali WM, Al Habib KF, Al-Motarreb A, Singh R, Hersi A, Al Faleh H, Asaad N, Al Saif S, Almahmeed W, Sulaiman K, Amin H, Al-Lawati J, Al Bustani N, Al-Sagheer NQ, Al-Qahtani A, Al Suwaidi J. Sindrome coronarica acuta e uso di anfetamine a base di erbe Khat: un rapporto osservazionale. Circolazione. 13 dicembre 2011; 124 (24): 2681-2689. [PubMed] [Google Scholar]

Kalix P. Khat: una pianta con effetti anfetaminici. J Subst Abuse Treat. 1988; 5 (3): 163–169. [PubMed] [Google Scholar]

Al-Juhaishi, T., Al-Kindi, S. e Gehani, A. (2013). Khat: una droga d'abuso ampiamente utilizzata nel Corno d'Africa e nella penisola arabica: revisione della letteratura. Qatar Medical Journal, 2012 (2), 1–6. https://doi.org/10.5339/qmj.2012.2.5

https://en.wikipedia.org/wiki/Khat#Health_effects